Anna...rella

 

 

Annaré…

sei un legame che sento nel cuore.

Ricordi le nostre estati

e i giochi che eravamo capaci di inventare?

Le nostre torte di terra e sassolini

impastate con le manine paffutelle,

e i nostri bambolotti

che ci facevano diventare

piccole e tenere mammine?

Ci bastava poco per sentirci felici.

Al tramonto

andavamo insieme ala stalla di Bernardo

ricordi?

Laggiù in fondo alla via di casa nostra.

Ci raccomandava di tenere ben fermi i pentolini…

ma Annaré… ricordi che per tornare a casa

salendo per quella strada di ciottoli e di sassi,

di latte ce ne cadeva più della metà?

Catturavamo le lucciole

e le portavamo di corsa in camera da letto

per farle volare…

una luce soltanto per noi

e pensavamo che fossero fatine.

Dividevamo tutto…

dalla merenda ai sogni;

correvamo sfrenate per i prati,

stavamo sedute per ore sul muretto

imparando piano piano a fare l’uncinetto…

Poi siamo cresciute

e parlavamo dei nostri primi amori.

Avevamo l’estate nel cuore

e parlavamo

fino a quando il sonno non ci chiudeva gli occhi.

Giorni d’estate nella primavera della nostra vita

ora ricordate con tanta nostalgia

da parte tua … da parte mia…

Quanti momenti belli ci portiamo dentro

senza mai dimenticare…

Per noi era estate

perché potevamo stare insieme

in quella vecchia casa che ancora tanto amo,

in quel piccolo paesello

che per noi era un angolo di serenità,

un piccolo miracolo,

un frammento di eternità…

 

 

©Daniela Costantini

 

 

Dedicata a mia cugina Anna con tanto affetto.

Insieme... un'infanzia felice...

Ti voglio bene, Annarè

Daniela

 

 

 

Indice Poesie

 

 

 

 

 

Foto di mia proprietà, scattata in proprio