Lo strumento imperfetto

 

 
 

 

Signore,

è difficile a volte comprendere

i messaggi che fai arrivare al mio cuore.

Quando Ti chiedo di avvolgermi di pace

e arriva una tempesta,

torno a pregarti,

ma le tue risposte non le odo…

si perdono nel tumulto della mia anima.

Signore,

sono sempre io,

la Tua umile figlia cheTi implora…

Sollevami dagli affanni,

fa che le corolle variopinte del tuo amore

mi dipingano l’anima.

Signore,

sono sempre io…

lo strumento imperfetto

che tardi ad accordare…

Ti prego…

fa che io ti sappia ascoltare.

Raccoglimi per un attimo

nelle tue amorevoli mani,

asciuga il manto di lacrime

che avvolge i miei occhi

affinché io possa inebriarmi

della Tua Luce.

©Daniela Costantini

 


Grafica Nostalgiaetenerezza