Con il naso all’insù

 guardo la stella d’oro alla sommità

del  grande Albero di Natale.

Sto ai suoi piedi

e l’intermittenza delle sue trecento luci

mi fa pensare al battito del mio cuore.

Mi domando se posso chiedere

qualcosa a Babbo Natale …

se può funzionare ancora alla mia età …

Cosa ti chiedo Babbo Natale?

         Senza neanche accorgermene il mio cuore

         inizia una preghiera  solo per il mio lui,

         per la gioia

        di scandire il mio tempo accanto al suo tempo…

 

 

Conserva per sempre il mio amore per lui;

conserva lui nel mio amore;

proteggilo e rafforzalo nei suoi impegni quotidiani;

continua a mantenere in lui la nobiltà del cuore

che mi ha reso folle del suo essere.

Sarà per sempre l’amore della mia vita

perché è lui che la tiene accesa,

che dà senso al mio esistere;

perché se tace sa dirmi tante cose

e se io riesco ad ascoltarle

vuol dire che riusciamo a parlarci oltre le parole,

a pensarci oltre i pensieri,

ad accarezzarci oltre il contatto fisico.

Caro Babbo Natale,

cerca di fare qualcosa per me.

In fondo si tratta della mia vita

e tu nella tua bontà,

senz’altro apprezzerai

il mio amore che non finirà mai.

Come vedi,

non ti chiedo poi tanto:

i requisiti ce l’ha…

e quindi merita tanta felicità.

Togli i dubbi dal suo cuore

e digli che c’è una donna

che vive solo per il suo amore.

Grazie Babbo Natale!

 

 

 

©Daniela Costantini

 

 

 



 

INDICE POESIE